Capodanno: città magiche e inusuali

Volete andare in quel posto ma non sapete quale? Ve li do io, 4 posti magici e non scontati dove passare il capodanno.
Ma sì, Capodanno a New York ha quel sapore di sentito e stra sentito, vagamente cinepanettone (che io amoh), e per una volta possiamo giocare a fare quelli che escono dal coro.
1- Lubiana: sì, la capitale slovena ha un centro storico che sembra un plastico, una città delle bambole a scala naturale, che si dipana sulle sponde della Sava. Per le festività le luci e gli addobbi la illuminano a giorno, le strade sono piene di ristorantini, sale da the e bistrot che potresti non smettere di mangiare per 48 ore di fila.
Beccatevi quanto è bella! Spettacolo per gli occhi e amica del portafoglio.


2-Strasburgo: per le winelovers come me, l'Alsazia è LA meta definitiva. A parte scorribandare per le cantine a scroccare assaggi dei vini, potrete brindare al nuovo anno in piazza Keplero con un calice di Muscadet o Cremat D'Alsace, abbracciate dall'atmosfera più briosa del cuore centroeuropeo. Sì, Strasburgo è la capitale d'Europa, e il titolo se lo merita tutto.
Pulita, ordinata, poetica, orientata alla valorizzazione del suo patrimonio artistico e culturale, perfetta per perdersi nel mix stilistico che oscilla dal medioevo al gotico al liberty! Uh, dimenticavo, i negozi sono bellissimi (c'è da rovinarsi) e se avete fame, potete approfittare dei cafè che servono una tarte flambee da resuscitare un morto.
Gente, su questa vi ho consigliato alla grande.


3- Lussemburgo: è Belgio? No. E' Germania? No. E' Francia? No. E' Olanda? No. E' un Gran Ducato ed esiste davvero, non solo sui libri di geografia. Ci sono stata, ho le prove. Perchè andare in Lussemburgo? Perchè è ordinato come la Germania, pulito e avanguardistico come l'Olanda, pieno di banche come la Svizzera, charmant come Parigi, grande come Bologna e lussuoso come Montecarlo.
Sì, qui il portafoglio non è contento, ma se per una volta volete gridare "Crepi l'avarizia!", questo è il posto che fa per voi. La chicca? Passeggiare per le vie della città alta con un cono di fragole glassate al cioccolato fondenta di Godiva (8 euro a cono, questo è il prezzo dell'orgasmo).


4 - Nizza: dopo tre mete sotto zero o quasi, vi do l'alternativa mediterranea, specie per chi il 31/12 vuole sfoggiare un vestito un po' elegante, il tacco a spillo e l'autoreggente senza morire assiderata. E dove ti posso mandare se non sulla Promenade Des Anglais a vedere lo spettacolo pirotecnico che a mezzanotte accende il cielo della Costa Azzurra?! Tutti pronti, sul lungo mare, bottiglia di Perrier Jouet alla mano per sbocciare al countdown del nuovo anno. E cosa fare in attesa della mezzanotte? Ma il casinò Ruhl, bien sure! Non è Costa Azzurra se non ti fai un giro di roulette. E' come andare a Roma senza gettare la monetina nella Fontana di Trevi. Unico consiglio: non fatevi fregare dai ristoranti che vogliono accalappiarvi con il menù del reveillon, vi pelano e non vi danno un tubo. Meglio una fettona di quiche lorraine in un bistrottino. E a mezzanotte: treeenino! Brigitte Bardot! Bardot!



E io? Dove andrò? Mah... non si sa.

Post più popolari