Le cose che piacciono a me tag


Chi ha visto Tutti insieme appassionatamente, dal titolo ricorderà la canzone che cantava freulein Maria ai sette ragazzi Von Trapp per far passare loro la paura del temporale.
Cosa? Non avete visto Tutti insieme appassionatamente?! Non vi vergognate? Compiti per casa: recuperare subito!!!
Questo tag è la stessa cosa, ma non cantato (sono stonata e non ne faccio mistero) e in 26 punti elencherò, una per lettera dell'alfabeto, le cose che piacciono a me.
E come ogni buon tag che si rispetti, copiatene, incollatene e condividetene!

A - Amazon: sì, mi sono votata all'e-commerce. Come Faust ho venduto l'anima per l'abbonamento Prime, spedizione gratuita in quarantotto ore. Non posso più farne a meno, anche solo per ammazzare la noia in fila in banca, sfodero la app e mi metto a sbirciare le offerte del giorno anche se poi non compro niente.
B - Book fotografici: sì, quei mattoni che si vedono nelle riviste di arredamento, poggiati con nonchalance su tavolini da caffè per dare all'ambiente un allure cultural chic. Amo soprattutto quelli di moda e viaggi e mi perdo a sfogliarne le pagine patinate. L'unica pecca: sono da spolverare un giorno sì e uno no.
C - Cannella: la metterei ovunque (assieme all'uvetta). Ha un sapore confortante. Sì, se fossi una spezia sarei la cannella.
D - Dorayaki: le focaccine giapponesi cugine dei pancake (ma senza burro). Se non le avete mai assaggiate datemi retta, non fatelo. Dopo il primo morso scatta la dipendenza.
E - Etnico: 4 volte su 5 che esco a cena, la scelta cade  su un ristorante etnico. Che sia messicano, giapponese, cinese, persiano, greco, indiano, se mi proponete cibo etnico la mia risposta sarà sempre sì.
F - Formaggi: in una vita precedente devo essere stata un topo perché ho una predilezione per ogni tipo di prodotto caseario. Potrei svuotare l'intero bancone del reparto formaggi di un supermercato, senza esclusioni: freschi, stagionati, duri, molli, delicati o puzzolenti... lasciate che i formaggi vengano a me.
G - Grafica vettoriale: per le copertine (che siano libri, riviste o depliant) trovo più elegante una illustrazione in grafica che non fotografica.
H - Hobbystica: non c'è negozio in cui io mi senta a mio agio quanto in uno di hobbystica, fai-da-te e bricolage. Uomo, vuoi fare colpo? Portami da OBI, BricoIO o LeRoy Merlin e sarò perdutamente tua. No ai fiori, sì alle brugole!
I - Ikea: diciamocelo, esiste una giornata più bella di quella in cui ti trovi il nuovo catalogo nella buca della posta?
J - Jane Austen: chiunque scriva o legga romanzi rosa, ha con lei un debito d'onore enorme.
K - Knight Frank: l'agenzia di consulenza immobiliare di lusso che tratta gli immobili più esclusivi del mondo. Avete mezz'ora buca da riempire? Perché non sognare un po' guardandosi le foto di mega attici con vista su Central Park, palais in affaccio sulla Senna, castelli nella campagna inglese o megaville a Mustique in vendita alle modiche cifre di 50 milioni di euro e fingere per un attimo di essere interessate all'acquisto? Vi lascio il link perché tanta bellezza va condivisa: Knight Frank
L - Liquirizia a rotelle: se non srotoli la rotella, godi solo a metà.
M - Maps: se non esistesse questa app di Google, sarei finita su Chi l'ha visto già anni fa. Mi salva sempre, e spesso e volentieri svolge un ruolo chiave nella ricerca per la stesura dei miei romanzi.
N - Netflix: e lo streaming in generale. Amo le serie TV e mi piace vedere quello che voglio, quando lo voglio e dove lo voglio. In più, per una che non riesce ad aspettare l'uscita di una serie straniera in italiano, è una mano santa.
O - Odore della benzina: non depone a mio favore, ma quando vado a fare rifornimento non posso non cercare con il naso l'odore denso e oleoso della benzina. Ma non credo di essere la sola...
P - Peluches: mi fanno una tenerezza esagerata ed entrare in un negozi di giocattoli è quantomai pericoloso. Vederli sugli scaffali che mi guardano con quegli occhioni acquosi mi fa stringere il cuore e sento l'impulso di comprarli tutti per dargli una casa. Tanto per rendervi conto dell'entità del problema, ho due orsetti Paddington identici, ma uno ha l'impermeabile rosso e quell'altro blu. Li dovevo avere tutti e due.
Q - Queen Elizabeth II: la sovrana d'Inghilterra è la regina per antonomasia, per me un'icona di tradizione e solidità e, a modo suo, anche pop. Poi diciamocelo, senza monarchia, i Sex Pistols non sarebbero mai diventati famosi.
R - Rumore del fuoco che scoppietta: ipnosi immediata.
S - Sex & the City: su Fox le puntate vengono trasmesse a rotazione e io non smetto mai di guardarmele e riguardarmele. La serie TV più riuscita di sempre.
T - Tacchi: ho un'autentica venerazione per lo stiletto e potendo non userei altro. Sono un boost per l'autostima.
U - Uno: a trent'anni ancora gioco partite ai confini della perdita della dignità, mettendo a rischio solide amicizie con piogge di +4.
V - Vestaglie: un vezzo dannunziano se volete, ma le "vesti da camera" in satin, seta, pizzo, cachemire, crepe de chine esercitano su di me un fascino irresistibile. Me la butto addosso, stringo il fiocco ed è subito Hollywood anni '30. Sarà davvero finita quando mi comprerò una chaise longue.
W - Woody Allen: l'ironia nevrotica e paranoica dei suoi film con me colpisce sempre nel segno. Genio puro. Se vi dovessi consigliare 3 suoi film per iniziarvi al suo cinema, direi Basta che funzioni, Match Point e Scoop. Prendete un week-end di pioggia, pop-corn fatti in casa, una bottiglia di bianco frizzante (meglio Chardonnay) e godeteveli. Sì, pop-corn e Chardonnay, avete letto bene. Danno il meglio di sé se sui pop-corn sciogliete del burro e grattate sale rosa.
X - X-Factor: ogni anno mi dico "Questa edizione non la guardo" e poi finisco sempre per piazzarmi sul divano, in prima serata, dolby surround a paletta e tazza di tè che neanche fossi il quinto giudice.
Y - Yankee Candle: ho combattuto per anni l'acquisto delle malefiche candeline, poi le ho trovate in sconto e mi sono detta "Perchè non provarne una" e da lì iniziò il delirio. In casa non devono più mancare... e non ho ancora trovato un aroma che non mi piaccia.
Z - Zucca: buona, economica e versatile. La vuoi dolce? Ci fai una torta. La vuoi salata? Ci fai una zuppa. Puoi farci un primo (ripieno per tortelli), un secondo, un contorno o un dessert. Se hai della zucca in casa, non morirai di fame.

Ogni tanto fa bene elencarsi ciò che si ama e per dare una sferzata di positività alla vostra vita, vi suggerisco di fare lo stesso.

Post più popolari