Regali utili, etici e sostenibili

 


Sono la prima a riconoscere di avere uno stile di vita tutt'altro che green-zero impact-waste free, ne sono consapevole e proprio per questo voglio provare a migliorarmi.

Mi sto impegnando e quest'anno per Natale mi piacerebbe fare dei regali sostenibili e che "finiscano" (cioè oggetti che non ci obblighino a trovarvi un posto permanente in casa... non so voi, ma la mia scoppia) e se vi va, condivido qui con voi qualche idea:

- per gli amanti della lettura, i libri sono un must e l'alternativa ecologica e salvaspazio sono gli eBook: un buono regalo da spendere su Kobo/Kindle/iTunes oppure regalare direttamente l'eBook di un romanzo che sappiamo essere nella wishlist del nostro amico/a. E per chi legge solo cartaceo? Optiamo per dei libri collegati a iniziative benefiche, i cui proventi sono destinati a sostenere ospedali o associazioni no profit. Qualche suggerimento: I fuggiaschi di Padova, di Alessandra RomanoFilastrocche frangivetro di Serena CascellaBianco come Dio di Niccolò Govonii Libri Solidali di A.G.O.P. Onlus contribuiscono a sostenere le attività, l’assistenza quotidiana e l’accoglienza dei bambini malati oncologici e le loro famiglie. Queste sono solo alcune proposte, i librai sapranno indicarvi anche tanti altri titoli collegati a iniziative di beneficienza.

- per i buongustai c'è di che sbizzarrirsi, ma invece delle solite ceste già pronte del supermercato si possono percorrere due strade. La prima, sostenendo i piccoli produttori del territorio; ci sono diverse aziende agricole (molto attive e raggiungibili sui social) che preparano confezioni regalo con i loro prodotti (come azienda agricola Elisa dell'Elba). L'altra opzione è adottare. In che senso? Esistono molte cooperative e consorzi di allevatori che permettono di "adottare" uno degli animali della fattoria e ricevere i loro prodotti. Io, per Azzurro ho adottato una mucca di Costalta (si può adottare per un mese, sei mesi o un anno) e si ricevono a casa burro e formaggi fatti con il latte della mucca adottata. Però si possono adottare anche adottare un alveare e ricevere il miele, una caprauna pecora... Per gli amici vegani è possibile adottare un ulivo così che ricevano l'olio, adottare un meloadottare una vigna... In ogni regione sono attive queste iniziative, io ne ho segnalate solo alcune per darvi idee, ma ci sono vigne, ulivi, meli adottabili in tutta Italia.

- per chi ama i prodotti beauty, potete trovare diversi artigiani molto attivi sui social che producono saponi, profumi, essenze, creme come Officina dei saponi o Elba Artenaturale. Se invece preferite buttarvi sugli oggetti da "coccole", potete trovare anche artigiani che fanno candele naturali e vegane come Aponwao. Anche i trattamenti sono molto graditi, quindi regalare un buono per una seduta dal parrucchiere, dall'estetista o per dei massaggi vi farà fare un figurone, oltre che dare una mano agli esercizi delle nostre città nella ripresa post lock-down.

- e i musicolfili? Li sistemiamo con questi amplificatori VAIA CUBE fatti con il legno recuperato da alberi caduti, sradicati etc. Per ogni cubo venduto sarà inoltre piantato un nuovo albero.

- donazioni: un regalo simbolico a un vostro amico/a o parente potrebbe essere aiutare la LAV adottando uno degli animali da loro salvati , o una specie in estinzione tramite WWF, oppure sostenere il canile/gattile della vostra città donando ai vostri amici i loro calendari.

- c'è un regalo gratuito e prezioso che potete fare: il vostro tempo. Siete cuochi amatoriali? Offrite ai vostri amici di cucinare loro una cena una sera che loro non hanno voglia. Avete ottime doti organizzative? Salvate gli accumulatori seriali aiutandoli a fare ordine in casa. Siete degli intrattenitori nati e avete degli amici/pareti con figli? Regalate loro un buono baby-sitter e accollatevi i loro pargoli per una giornata. 

Come vedete, si possono fare molte cose con poco e senza impattare in maniera eccessiva sull'ambiente o riempiendo le case di amici e parenti di cose che non vogliono e non gli servono, o piombare in profumeria il 24 dicembre alle 18.29 per arraffare al volo la classica confezione regalo "bagnoschiuma-crema idratante al muschio rosa della Malesya" che, vabbè, costa 9,90 ma alla fine la confezione fa figura...

Lo cantava già Elio nel 2005:

Provo a non ridurmi all'ultimissimo momento

Ventiquattro sera diciannove e ventinove negoziante, stai chiudendo?

Mi accontento di qualunque puttanata

Una maniglia colorata, un portaspilli, un portafogli, un portafigli, una cagata

Qualcosa...



Commenti

  1. non so se +è l'età, ma io ormai tendo a terminare lo shopping di Natale nella prima settimana di dicembre, dopo, c'è troppa gente nei centri commerciali...onestamente i regali tendo a farli belli e utili e quest'anno anche mangerecci...le tue idee sono ottime e non solo per Natale!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

E tu, cosa ne pensi?

Post più popolari