Scene erotiche: 10 tips per scriverle!


Le steamy scenes, le scene bollenti, proprio loro.
Ci sono autori che hanno il dono, che sfornano capolavori erotici come se non facessero altro nella vita, le parole gli escono con la stessa naturalezza con cui respirano, poi ci sono quelli...COME ME.
Scrivendo romanzi rosa, prima o poi mi ritrovo con il mio Lui e la mia Lei che vengono ai fatti e siccome mi sono ripromessa di approfondire la scena piccante, al momento topico mi sono trovata con le mani sospese sulla tastiera e niente da scrivere.


Ho (quasi) trent'anni, di acqua sotto i ponti ne è passata, ho un discreto bagaglio da cui attingere, ma passare dalle immagini alle parole non è subito spontaneo. Diciamocelo, la scena erotica deve funzionare, la lettrice deve sentirsi coinvolta, non avere la sensazione di essere davanti a un manuale di biologia, quindi la bravura dell'autore sta nel creare la magia.
E come si crea questa magia?
Ho scoperto che l'ansia da prestazione è comune a molti scrittori e per voi, ho raccolto alcuni suggerimenti e trucchi che ho scovato documentandomi in giro su come superare l'impasse.
Ve lo dico subito: minori (se ci siete) chiudete la pagina; maggiori di 18, declino ogni responsabilità su quello che farete dopo aver letto questo post.
1- GET DRUNK:  sì, il primo tip è ubriacarsi. Ma non a livelli da non distinguere più le lettere sulla tastiera (se no a che accidenti serve?), bensì quel livello di brillantezza che ti rilascia i freni inibitori, che ti toglie i filtri e non sentire il peso della coscienza che ti dice "questo non si fa".


Ho testato personalmente e posso dirvi che nel mio caso un prosecco della Valdobbiadene funziona meglio di un Franciacorta. Col Valbobbiadene sono più allegra e fluida nel trasporre le immagini in parole. Unica pecca: da affrontare solo a pomeriggio inoltrato. Bere prima delle 17.00 è da ubriaconi.
2-Soundtrack: la musica aiuta a farsi trasportare e la colonna sonora giusta contribuisce a creare il mood emotivo che sviluppa la situazione. Attenzione! La colonna sonora varia a seconda del sesso di cui state scrivendo: sesso romantico (vai con Brian Adams), sesso selvaggio; sesso rabbioso; sesso disperato; sesso sensuale (lo so che è  brutta, ma almeno nel mio blog me lo permetto); sesso estremo.
Ogni occasione ha il suo vestito e ogni sesso le sue canzoni. Iniziate a scorrere le playlist del vostro ipod e vedete in che frangente possono funzionare. Magari Hanno Ucciso L'Uomo Ragno la skippiamo...

3-Meglio soli: sì, quando scrivi una steamy scene non avere nessun elemento di disturbo intorno è meglio, si è più raccolti con se stessi e si può stare "dentro" la propria testa. Chiudi la porta e spegni il telefono. A volte è capitato che il mio ragazzo mi sorprendesse alle spalle a sbirciare il mio lavoro o mia madre al telefono. Ecco, fine della magia. Un pubblico che assiste alla scrittura della scena erotica è la morte della sensualità.


4-Documentarsi: quello che sto per dire può non piacere ma non si può sempre piacere a tutti, no? Cosa intendo con "documentarsi"? Se scrivo di influenza devo informarmi su che farmaci usare per guarirla, quindi se scrivo di sesso... YouPorn, PornHub, XHamster, RedTube e la lista potrebbe continuare infinita. Sì, a mali estremi, quando anche l'immaginazione è bloccata, una sbirciata ai professionisti del settore può essere d'aiuto. Mai essere snob è una regola aurea, non si sa mai da dove può venire fuori una buona idea.
5 - Non editare: la scena erotica va scritta tutta di getto, senza tornare indietro sui propri passi, cancellare e riscrivere, cambiare parole, girare le frasi....NO! Editare una scena erotica mentre si scrive è come chiedere scusa e "Ti piace?" mentre si fa sesso. Imperdonabile. Lasciare sedimentare la scena e fare l'editing dopo tempo.
6 - Dialoghi: vi è mai capitato di fare sesso nel silenzio e mutismo più totale? Dubito, anche solo qualche bisbiglio o sussurro ci sarà stato. Ecco, questo vale anche nei romanzi. Se i personaggi durante l'amplesso parlano (sì, ma non del tempo o della crisi economica) la scena risulta molto più realistica.

7 - Preliminari: a meno che quel passo del romanzo non richieda una sveltina, conviene spendere un po'  di tempo sui preliminari tra i due personaggi per far partecipare il lettore al build up della tensione sessuale.
8 - One shot: mai lasciare una scena di sesso a metà. Se la inizi devi farlo con l'intenzione di finirla. E' un po' come nella realtà, in fondo: a nessuno piace iniziare a darsi da fare alla grande per poi trovarsi a dire "Sì, bello, ma finiamo domani". COSA DIAVOLO STAI DICENDO? FINIAMO ORA?
9 - Conta le mani: a meno che non sia un fantascientifico con protagonisti alieni, abbiamo tutti due sole mani, quindi verificare che il protagonista non stia facendo questo: affondò la mano destra nei suo capelli setosi mentre con la sinistra le strinse il seno e con l'altra il sedere. Io qui conto tre mani, e se la matematica non è un'opinione, pure voi.
10 - Fai shopping: sì, sei autorizzata! Vai in un negozio di intimo e datti alla pazza gioia: reggiseni, corsetti, body, tanga, brasiliane, pizzo, seta, nastri... per scrivere scene hot ci vuole self confidence e non avrai mai più autostima di quando sei appena uscita da un negozio con un completino sexy nuovo che è una bomba.


Ecco, i dieci writing tips che ho raccolto per voi! Vi confesso che molti mi piacciono parecchio e se questo mi manderà all'inferno me ne farò una ragione.

Commenti

  1. Non sono una scrittrice, ma una lettrice!! Ottime consigli!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari